top of page

Quanto costa un sito web: elenco completo delle voci di spesa e manutenzione

Aggiornamento: 7 set 2023


infografica su quanto costa fare un sito web

La creazione di un sito web per un'azienda è un investimento fondamentale nel mondo digitale di oggi. Tuttavia, ci sono vari costi che devono essere presi in considerazione. Questo post risponde alla domanda comune "Quanto costa un sito web?"


Tipicamente alcuni di questi sono costi che "sorprendono" l'azienda una volta che il sito è stato lanciato, ed è bene quindi averne una panoramica chiara per evitare questa faccia 👇🏻

Per questo ecco i cinque costi fondamentali che devi conoscere quando la tua azienda sta realizzando il proprio sito web:

  1. Costi di progettazione e sviluppo: Questo include il design del sito web, la programmazione, la configurazione del database e tutte le funzionalità specifiche che l'azienda desidera includere.

  2. Costi di hosting: l'hosting è il servizio che mantiene il sito web disponibile su Internet. I costi possono variare notevolmente a seconda del tipo di hosting scelto (condiviso, dedicato, cloud).

  3. Costi di dominio: il dominio è l'indirizzo web del sito. I costi del dominio possono variare a seconda dell'estensione (.com, .it, .org ecc.) e del registrar scelto.

  4. Costi di manutenzione: un sito web necessita di aggiornamenti regolari per garantire la sua sicurezza e l'aggiunta di nuovi contenuti o funzionalità. Questo può richiedere una manutenzione continua che comporta costi extra.

  5. Costi di marketing e SEO: Un sito web deve essere facilmente reperibile su motori di ricerca come Google, ma non solo. Quindi, è fondamentale investire in strategie di marketing digitale per attrarre visitatori e potenziali clienti.

Approfondisci qui👇🏻


Quanto costa farsi fare un sito web

Il primo elemento fondamentale da considerare quando si crea un sito web è il design e lo sviluppo.


Questo comprende tutto, dalla progettazione dell'interfaccia utente e dell'esperienza utente al codice di back-end. I costi possono variare notevolmente a seconda del tipo di sito web che si desidera creare.


Landing page

Per una landing page, il costo nel mercato italiano può variare tra 500 e 2.000 Euro. Questa tipologia di sito è relativamente semplice, poiché solitamente è composta da una singola pagina con lo scopo di convertire i visitatori in clienti o lead. Il costo dipende dalla complessità del design e dalla quantità di personalizzazione richiesta.


Sito vetrina

Per un sito vetrina, il costo può variare tra 1.500 e 5.000 Euro. Questo tipo di sito può includere diverse pagine, come la home page, una pagina "chi siamo", una pagina di servizi o prodotti, una pagina di contatto, ecc.


Il costo dipenderà dalla necessità di funzionalità personalizzate, dal numero di pagine e dall'integrazione con altri sistemi o piattaforme (es. molto spesso il CRM, anche se questo processo è facilitato dall'uso di connettori come Zapier).


E-commerce

Infine, per un sito e-commerce, il costo può variare da 3.000 euro fino a 10.000 Euro o più.


Questo tipo di sito è il più complesso e richiede funzionalità aggiuntive come il carrello della spesa, i metodi di pagamento, la gestione dell'inventario e la sicurezza aggiuntiva.


Inoltre, il costo dipenderà anche dal numero di prodotti da elencare e dalla necessità di integrare con altri sistemi, come sistemi di spedizione o piattaforme CRM.

Ricorda che questi costi sono solo una stima e possono variare a seconda delle specifiche esigenze del tuo progetto. È sempre consigliabile ottenere preventivi da più fornitori per assicurarti di ottenere il miglior rapporto qualità-prezzo.


Hosting

Il secondo costo fondamentale nella creazione di un sito web è l'hosting, che è il servizio di memorizzazione dei dati del sito su un server, rendendolo accessibile agli utenti di Internet.


Il costo medio annuale per l'hosting di un sito web nel mercato italiano varia notevolmente a seconda delle esigenze specifiche del sito.


Si può aspettare di pagare tra 30 e 200 Euro all'anno per un hosting condiviso di base, fino a 500 Euro o più per un hosting dedicato o un server virtuale privato.


I servizi essenziali che dovrebbero essere inclusi nel canone di hosting includono la disponibilità del server (idealmente al 99,9%), la larghezza di banda sufficiente per gestire il traffico del sito, lo spazio su disco per memorizzare i dati del sito, il supporto per le tecnologie necessarie (come PHP, MySQL, etc.), la protezione contro gli attacchi DDoS e il backup dei dati.


Altri servizi importanti possono includere il supporto tecnico, l'accesso FTP, l'installazione di CMS come WordPress, e le caselle email.


Si consiglia sempre di confrontare le offerte di diversi fornitori di hosting, tenendo conto non solo del prezzo, ma anche della qualità del servizio e soprattutto del supporto offerto.


Acquisto del dominio

L'acquisto di un dominio è un passaggio fondamentale per la creazione di un sito web. Il costo medio annuale per l'acquisto di un dominio nel mercato italiano varia in base al tipo di estensione del dominio (.it, .com, .org, ecc.) che si sceglie.


In generale, si può dire che il costo medio di un dominio .it o .com può variare da 10 a 30 Euro all'anno. Ci sono anche domini premium, come .io o .ai, che possono costare centinaia di euro all'anno.


Le tipologie di domini acquistabili sono molteplici e ogni estensione ha le sue specifiche caratteristiche. Ad esempio, il .it è l'estensione nazionale italiana, il .com è l'estensione più conosciuta a livello internazionale, e ci sono anche estensioni specifiche per settori particolari (.shop per gli e-commerce, .blog per i blog, ecc.).


Per quanto riguarda il costo di rinnovo per gli anni successivi, in genere è simile al costo di acquisto del dominio. Tuttavia, alcuni fornitori di servizi di hosting offrono sconti per il primo anno, quindi il costo di rinnovo potrebbe essere più alto. È importante leggere attentamente le condizioni del servizio prima di acquistare un dominio per evitare sorprese. Ricorda, la scelta del dominio è un aspetto cruciale nella creazione di un sito web: un buon dominio è facile da ricordare, significativo e rilevante per il tuo settore o argomento.


Gestione e manutenzione di un sito web

La gestione e la manutenzione di un sito web, ad esempio realizzato con il CMS WordPress comporta una serie di attività specifiche, che vanno dal semplice aggiornamento della versione del CMS alla gestione e all'aggiornamento dei vari plugin installati, fino all'implementazione di nuove funzionalità o all'ottimizzazione della SEO.

⚠️Tieni presente che implementare nuove pagine o sezioni è all'ordine del giorno all'interno di una strategia di web marketing⚠️

L'aggiornamento della versione di WordPress è un'operazione fondamentale per garantire la sicurezza del sito e il suo corretto funzionamento. Questa operazione, che deve essere eseguita con regolarità, comporta la verifica della compatibilità dei plugin installati con la nuova versione e, in caso di problemi, l'aggiornamento o la sostituzione di questi ultimi.


I plugin, infatti, giocano un ruolo centrale nella gestione di un sito WordPress: permettono di aggiungere nuove funzionalità al sito, di migliorarne le prestazioni o di ottimizzare la SEO.


Tuttavia, è necessario mantenerli sempre aggiornati per evitare problemi di sicurezza e garantire il loro corretto funzionamento.


Altre attività di manutenzione tipiche di un sito WordPress includono la creazione di backup periodici, l'ottimizzazione del database, la gestione dei commenti e la moderazione dello spam, l'analisi delle statistiche di accesso e l'implementazione di eventuali modifiche al design o alla struttura del sito.


In termini di costi, la manutenzione di un sito WordPress può variare notevolmente a seconda delle specifiche esigenze del sito e del livello di competenza dell'utente. In media, tuttavia, si può stimare un costo annuale di manutenzione che va da 200 a 2.000 Euro annui, a cui vanno aggiunti i costi per l'hosting e per il dominio.


D'altra parte, l'utilizzo di un CMS no-code come Wix può comportare una notevole riduzione dei costi di manutenzione. Con Wix, infatti, tutte le attività di manutenzione del sito sono gestite direttamente dalla piattaforma e sono incluse nel costo dell'abbonamento che è di qualche Euro al mese.

Marketing

Nel mercato italiano, le principali attività di marketing per pubblicizzare un sito web possono variare notevolmente in termini di costi. Ecco un elenco delle 5 principali attività di marketing, dall'attività più costosa a quella meno costosa:

  1. Pubblicità televisiva (sì, si fa anche per i siti web 🤓): Questo canale di marketing è solitamente il più costoso. Secondo dati Rai Pubblicità, il costo di uno spot televisivo può variare da 5.000 a 30.000 Euro per spot, a seconda del canale e dell'orario di messa in onda (fonte: Rai Pubblicità).

  2. Pubblicità su Google Ads: Il costo di una campagna Google Ads può variare notevolmente in base al settore, alle parole chiave target e al budget. Tuttavia, in media, le aziende spendono da 9.000 a 10.000 Euro all'anno (fonte: Statista).

  3. Pubblicità su Social Media: Anche in questo caso, i costi possono variare notevolmente. Tuttavia, in media, una campagna pubblicitaria sui social media può costare da 1.000 a 7.000 Euro all'anno (fonte: Influencer Marketing Hub).

  4. SEO (Search Engine Optimization): I costi di un servizio SEO professionale in Italia possono variare da 500 a 5.000 Euro all'anno, a seconda della complessità del sito web e del settore di mercato (fonte: Search Engine Journal).

  5. Email Marketing: Questa è spesso l'attività di marketing digitale più economica. I costi possono variare da 10 a 100 Euro al mese, a seconda del servizio di email marketing scelto e del numero di email inviate al mese (fonte: PCMag).

  6. Link building: Il costo di un servizio di link building può variare da 1.000 a 3.000 Euro all'anno

Ingaggio di un'agenzia di marketing


I costi di un'agenzia di web marketing in Italia possono variare notevolmente, da 12.000 a 24.000 euro all'anno, come riportato da Digital360.


Tuttavia, l'ingaggio di un'agenzia può rappresentare un investimento strategico per la propria attività. Tra i vantaggi, è possibile citare l'accesso a competenze specialistiche, la possibilità di risparmiare tempo e risorse interne, oltre alla possibilità di ottenere risultati più rapidi e misurabili grazie all'esperienza dell'agenzia.


L'agenzia può anche offrire un approccio olistico alla strategia di marketing (come ad esempio il Connection Funnel®), considerando tutti gli aspetti del mix di marketing e come essi interagiscono tra loro. Inoltre, può offrire l'opportunità di sperimentare nuove strategie e tattiche, mantenendo l'azienda al passo con le tendenze del settore.


D'altro canto, i costi possono rappresentare un ostacolo, specialmente per le piccole e medie imprese. Inoltre, la scelta dell'agenzia giusta può richiedere tempo e ricerca.


Infine, è importante garantire che l'agenzia comprenda appieno i tuoi obiettivi di business e possa adattare la strategia di marketing di conseguenza.


Tipologie di ingaggio

Per quanto riguarda le modalità di ingaggio, esistono diverse opzioni. Il canone è una tariffa fissa mensile o annuale che copre un insieme di servizi. Questo offre prevedibilità dei costi e può essere adatto per le aziende che desiderano un supporto di marketing continuo, ma ha il difetto di dare poca trasparenza su quello che l'agenzia realmente "fa".


Il pagamento a ore prevede che l'agenzia addebiti un tasso orario per il suo lavoro. Questo approccio (che fa parte di uno dei nostri elementi fondanti) garantisce un maggiore controllo sulla spesa, avendo visione delle attività svolte. E' inoltre vantaggioso perché il costo dell'agenzia si riduce nei periodi di inattività dell'azienda (vacanze, chiusure stagionali, ecc.)

.

Infine, il pagamento a percentuale prevede che l'agenzia riceva una percentuale dei ricavi o dei profitti generati dalla campagna di marketing. Questo può essere un incentivo per l'agenzia a ottenere risultati, ma può anche portare a costi più elevati se la campagna è particolarmente di successo.


Conclusione

E tu? Aggiungeresti dei costi non citati in questo articolo? Hai mai avuto soprese? Scrivilo nei commenti ⬇️

0 commenti

Post correlati

Mostra tutti

Comments


bottom of page