• Fabio Gritti

Linkedin Bot: come funziona e perché può fare al caso tuo



LinkedIn è il Social che genera l'80% dei lead qualificati nel B2B: una vera e propria miniera ancora ricca di contatti di clienti potenziali che possono alimentare un ciclo di vendita.


Se hai un profilo su questa piattaforma, saprai senza dubbio quanto sia difficile costruire un network di contatti numeroso e funzionale alla tua tipologia di business.


Spesso capita che le richieste di connessione o vengono ignorate, oppure sono rivolte a persone non interessate ad entrare in contatto.


Senza contare poi il fattore costanza. È risaputo che per avere un profilo efficace bisogna dedicare praticamente ogni giorno, del tempo, condividendo e creando contenuti di valore.


LinkedIn è senza alcun dubbio la migliore piattaforma per costruire legami professionali di successo, ma non funziona in automatico.


Per questo motivo oggi ti voglio parlare dei Linkedin Bot.



Premessa

Dopo una breve intro sul mondo di LinkedIn e le relative potenzialità, occorre fare un premessa prima che mi addentri nel topic principale di questo approfondimento.


La maggior parte delle persone come te non ha tempo di coltivare così tanto la propria presenza in Linkedin: lo so perché seguiamo in Agenzia diversi profili che utilizziamo al posto del cliente.


Per questo motivo abbiamo deciso di testare sul campo le funzionalità del Bot.


Linkedin Bot: cosa sono e come funzionano


Innanzitutto specifichiamo cosa si intende per Linkedin Bot. Sono dei programmi creati appositamente per facilitare le cose sulla piattaforma, aiutandoti a risparmiare tempo e fatica, svolgendo parecchie mansioni in automatico.


Tutto questo ci permette di automatizzare delle operazioni e dei processi in base alle nostre esigenze e ai nostri obiettivi di business.


Utilizzare un Linkedin Bot ti consente di fare alcune operazioni al posto nostro come:

  • Inviare messaggi personalizzati

  • Invitare contatti a entrare a far parte del proprio network

  • Visitare profili

  • Approvare delle competenze

  • Creare dei veri e propri funnel, integrando i vari step precedentemente elencati

Perché mi sento di consigliarteli?

Perché li abbiamo testati, direttamente sul campo. Qui ti lascio il link di un nostro Caso Studio nel B2B dove, attraverso l'integrazione del Bot con Linkedin Ads, siamo riusciti a generare più di 700 contatti qualificati.

Alcuni fattori da tenere in considerazione

Passando oltre le questioni morali e di etica sull’utilizzo dell’intelligenza artificiale in materia di relazioni umane, la Marketing Automation è diventata un elemento imprescindibile nel campo del Digital.

Lo strumento in questione, se utilizzato nel modo corretto, presenta innumerevoli vantaggi a livello strategico, quali:

  • Ottenere lead qualificati

  • Coltivare delle relazioni

  • Divulgare la cultura di prodotto (molto utile, soprattutto in diversi settori)

  • Avere un maggiore tasso di conversione rispetto all’advertising tradizionale

  • Integrare la parte di Bot, con l'Advertising

  • Accrescere la visibilità e migliorare la reputazione, sia personale che dell'azienda

  • Risparmiare tempo


Non male, vero?


Ahimè, tocca anche passare dall'altro lato della medaglia.

In queste righe ti ho analizzato e descritto quelli che sono i benefici dell'utilizzare un Bot su Linkedin, facendoti comprendere come questi software siano molto utili per la crescita su questa piattaforma, ma è importante precisare che non sono affidabili al 100%.


L’esecuzione di molte azioni in un lasso di tempo ristretto, infatti, potrebbe portare ad un eventuale ban (prima temporaneo, e poi permanente) del profilo da parte di Linkedin. Il mio consiglio è di impiegare questi strumenti di supporto con consapevolezza.


In conclusione


Dal mio punto di vista e della mia esperienza professionale, i Linkedin Bot sono molto utili alla causa, soprattutto in un momento storico in cui sono cambiate le regole nella generazione di contatti in azienda: gli agenti fanno fatica a farsi ricevere e le fiere non sono ancora riprese.


Occorre ricordare però che LinkedIn, come tutti gli altri Social Network, è una piattaforma di relazioni, e che questi strumenti dovrebbero quindi solo aiutare ad ottimizzare tempo e fatica, a fare il “lavoro sporco”, ma che non potranno mai sostituirsi a voi nel cercare di instaurare nuove conversazioni, interessare una persona e fare in modo che si fidi di voi.


Se ti è piaciuto questo breve approfondimento, condividilo 🤓, se hai dubbi su come iniziare a raccogliere questi dati puoi porle qui sotto o nel nostro gruppo chiuso di Facebook.